Print Friendly, PDF & Email

La gravità dei sintomi varia notevolmente da persona a persona, ma tutte le persone con autismo hanno alcuni sintomi di base con la comunicazione e le relazioni sociali

I sintomi possono includere:

  • Problemi significativi con la capacità di comunicazione non verbali, quali lo sguardo, le espressioni facciali e la postura del corpo.
  • Problemi a stabilire amicizie con i bambini della stessa età.
  • La mancanza di interesse per la condivisione di gioie, interessi o obiettivi con altre persone.
  • La mancanza di empatia. Le persone con autismo possono avere difficoltà a capire i sentimenti di un’altra persona, come il dolore o il dolore.

La comunicazione verbale e non verbale

I sintomi possono includere.:

  • Ritardo o assenza totale dello sviluppo del linguaggio. Ben il 40% degli autistici non parla.
  • Problemi ad avviare una conversazione. Inoltre, le persone con autismo hanno difficoltà a mantenere una conversazione iniziata.
  • Uso stereotipato e ripetitivo del linguaggio. Le persone con autismo spesso ripetono più e più volte una frase che hanno sentito in precedenza (ecolalia).
  • Difficoltà a capire la prospettiva del loro ascoltatore. Per esempio, un autistico potrebbe non capire l’umorismo e interpretare la parola letteralmente senza coglierne il significato implicito.

Interessi limitati nelle attività o gioco

I sintomi possono includere:

  • Focalizzazione di interesse insolito sugli oggetti. I bambini più piccoli spesso si concentrano su parti di giocattoli, come le ruote di una macchina, piuttosto che giocare con l’intero giocattolo. Inoltre tendono a metterli allineati in lunghe file, invece di giocarci.
  • Preoccupazione per determinati argomenti. Ad esempio, i bambini più grandi e gli adulti possono essere affascinati da video giochi, figurine, o targhe.
  • Un bisogno di routine e paura per le novità. Per esempio, un bambino autistico può sempre sentire il bisogno di mangiare il pane prima dell’insalata o nel percorrere sempre la stessa strada ogni giorno a scuola. I cambiamenti lo mandano nel panico.

I comportamenti stereotipati

Questi possono includere: far dondolare il corpo, girare continuamente su se stessi, battere le mani in continuazione, portarsi sempre il palmo aperto della mano davanti agli occhi, accendere e spegnere la luce per ore, aprire e chiudere le porte per ore, ecc.

I sintomi durante l’infanzia

I sintomi di solito vengono notati prima dai genitori o altri operatori sanitari durante primi 3 anni di vita del bambino. Anche se l’autismo è presente alla nascita (congenito), i sintomi del disturbo possono essere difficili da individuare o diagnosticare durante l’infanzia, poiché il bambino è ancora in via di sviluppo. I genitori spesso si preoccupano quando il loro bambino non sembra interessato a giocare alcuni giochi  o con altri bambini, quando non si diverte con il gioco del cucù  e quando non comincia a parlare nei tempi previsti.  A volte, un bambino, nonostante l’autismo, inizierà a parlare nei tempi previsti, come gli altri bambini della stessa età, per poi perdere le proprie competenze linguistiche (fenomeno della regressione, che si ha non solo nel campo linguistico ma anche degli interessi e relazioni sociali). I genitori a volte pensano ad un problema di udito. Spesso sembra che il bambino non sente, mentre altre volte sente anche i minimi rumori come un rumore di fondo lontano, ad esempio il fischio di un treno.

Con il trattamento precoce e intensivo, la maggior parte dei bambini riesce a migliorare la loro capacità di relazionarsi con gli altri, comunicare e a badare a se stessi. Contrariamente a miti popolari circa i bambini con autismo, molto pochi sono quelli completamente isolati socialmente che vivono in un mondo tutto loro.

Sintomi durante adolescenza

Durante l’adolescenza i modelli di comportamento cambiano spesso. Molti adolescenti acquisiscono competenze comunicative, ma restano ancora impossibilitati nella loro capacità di relazionarsi e capire gli altri. La pubertà e la sessualità emergente possono essere più difficili per gli adolescenti autistici rispetto gli altri. Gli adolescenti sono ad aumentato rischio di sviluppare problemi legati alla depressione, l’ansia e l’epilessia.

I sintomi in età adulta

Alcuni adulti con autismo sono in grado di lavorare e vivere per conto proprio. La possibilità per un adulto autistico di condurre una vita indipendente è legata alla sua intelligenza e capacità di comunicare. Almeno il 33% degli autistici è in grado di raggiungere almeno una parziale indipendenza.

Altri adulti autistici, invece,  hanno bisogno di assistenza continua, soprattutto quelli con bassa intelligenza, che non sono in grado di parlare. All’altra estremità dello spettro, gli adulti con autismo ad alto funzionamento (Asperger) possono avere successo nelle loro professioni e sono in grado di vivere in modo indipendente, anche se di solito continuano ad avere alcune difficoltà relazionali. Questi individui hanno di solito un’intelligenza nella media o superiore.

Altri sintomi

Molte persone con autismo hanno sintomi simili al Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD) . Ma questi sintomi, soprattutto i problemi con le relazioni sociali, sono più gravi per le persone con autismo.

Circa il 10% delle persone con autismo ha una qualche forma di “dono” o abilità speciali, come memorizzare liste, calcoli e matematica, ricordare le date del calendario, disegno o abilità musicale.

Molti autistici hanno insolite percezioni sensoriali. Ad esempio, possono descrivere un tocco leggero come pressione dolorosa e profonda a fornire e agitarsi. Altri invece possono non sentire dolore. Alcuni hanno simpatie e antipatie alimentari, mangiano sempre lo stesso cibo, o hanno preoccupazioni insolite.
I problemi di sonno si verificano in circa il 40%  delle persone autistiche.

Quasi la metà dei bambini nello spettro tende a sfuggire dai terapisti, tende a non collaborare. Per molti operatori sanitari è molto stressante e difficile lavorare con questi bambini, ma esiste la terapia comportamentale che tende a ridurre il numero di volte in cui un bambino si allontana.

 

Tags: , , ,