Print Friendly, PDF & Email

Questo cantico in lingua volgare umbra, uno dei più vecchi della letteratura italiana, risalirebbe al 1226 ed è opera di Francesco D’Assisi. Non amo molto ciò che è stata la storia della chiesa cattolica, ma San Francesco d’Assisi si distingue in quel periodo di corruzione ecclesiastica, per la sua fede pura in Dio e il suo amore e rispetto per la natura e gli animali, allontanandosi da tutto il mondo lussuoso e ipocrita del suo tempo, essendo egli figlio di famiglia ricca, e andandosene a vivere una vita ascetica in povertà con altri frati e aiutando i poveri. Un vero esempio di fede, proprio così come dovrebbe essere anche oggi. Un vero esempio di umiltà, rispetto e sottomissione nei confronti del Creatore.

 

Altissimu, onnipotente bon Signore,
Tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.

Ad Te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.

Laudato sie, mi’ Signore cum tucte le Tue creature,
spetialmente messor lo frate Sole,
lo qual è iorno, et allumeni noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de Te, Altissimo, porta significatione.

Laudato si’, mi Signore, per sora Luna e le stelle:
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.

Laudato si’, mi’ Signore, per frate Vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,

per lo quale, a le Tue creature dài sustentamento.

Laudato si’, mi’ Signore, per sor Aqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

Laudato si’, mi Signore, per frate Focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra,
la quale ne sustenta et governa,

et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.

Laudato si’, mi Signore, per quelli che perdonano per lo Tuo amore
et sostengono infirmitate et tribulatione.

Beati quelli ke ‘l sosterranno in pace,
ka da Te, Altissimo, sirano incoronati.

Laudato si’ mi Signore, per sora nostra Morte corporale,
da la quale nullu homo vivente po’ skappare:
guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;
beati quelli ke trovarà ne le Tue sanctissime voluntati,
ka la morte secunda no ‘l farrà male.

Laudate et benedicete mi Signore et rengratiate
e serviateli cum grande humilitate..

 

 

Tags: , ,