Print Friendly, PDF & Email

Circa tremila anni dopo essere state composte, l’Iliade e l’Odissea restano due delle più celebri e ampiamente storie mai lette e raccontate, ma quasi nulla si sa circa la loro composizione. L’autore era certamente un vate greco, probabilmente vissuto nel tardo settimo o ottavo secolo a.C. La paternità è tradizionalmente attribuita al poeta cieco di nome Omero, ed è sotto questo nome che i lavori sono ancora pubblicati. Tuttavia i Greci del II e III a.C., si chiedevano già se Omero fosse davvero esistito e persino se i due poemi fossero stati scritti da un singolo individuo.

La maggior parte degli studiosi moderni ritiene che anche se una sola persona avesse scritto i poemi, la sua opera avrebbe subito un’enorme tradizione orale e non scritta. Storie di una gloriosa spedizione in Oriente e dei suoi leader che condussero i viaggi hanno cominciato a circolare in Grecia già centinaia di anni prima che L’Iliade e L’Odissea fossero composte. Cantastorie e menestrelli raccontarono queste storie attraverso le generazioni, e ognuno di essi aggiunse del suo. Stando a questa teoria, un poeta, una moltitudine di poeti, lavorando in collaborazione, o forse persino una serie di poeti che lavorarono in successione finalmente misero per iscritto l’opera con l’aggiunta ognuno del suo tocco personale, aggiungendo o sottraendo alcuni episodi o dettagli per adattarli al loro gusto.

Sebbene le prove storiche, archeologiche e linguistiche suggeriscono che l’epica fu composta tra il 750 e 650 a.C., nell’Età del Ferro, le scene in cui si svolgono i fatti narrati riportano nella Grecia micenea (intorno al XII secolo a.C. durante l’Età del Bronzo). In quest’ultimo periodo menzionato, infatti, i Greci infatti credevano di vivere in un’ età più gloriosa e sublime, quando ancora gli dei frequentavano la terra ed eroici e divini mortali con attributi sovrumani popolavano la Grecia. Poiché i due poemi si sforzano di evocare questa età incontaminata e sono scritti in uno stile austero e generalmente dipingono la vita come si credeva che fosse nei grandi regni dell’età del bronzo, questo fa pensare che il periodo esatto non fosse quello miceneo. I greci sono spesso indicati come “Achei”, il nome di una tribù di grandi dimensioni che occupava la Grecia durante l’età del Bronzo.

Ma la ricostruzione di Omero spesso riconduce anche alla realtà greca successiva e più sviluppata dell’ottavo e settimo secolo a.C. La struttura sociale feudale evidente sullo sfondo de L’Odissea sembra più simile a quella della Grecia di Omero che a quella di Ulisse, e Omero sostituisce il pantheon delle divinità del suo tempo con gli dèi che i Greci micenei adoravano. Molti altri piccoli ma evidenti anacronismi, come i riferimenti agli strumenti di ferro e a tribù che non aveva ancora migrato in Grecia nell’Età del Bronzo, tradiscono l’età del poema e confermano le sue origini nell’Età del Ferro.

Per secoli molti studiosi hanno ritenuto che la guerra di Troia e i suoi partecipanti fossero interamente creazione della fantasia greca. Ma alla fine del diciannovesimo secolo, un archeologo di nome Heinrich Schliemann dichiarò di aver scoperto i resti di Troia. Le rovine del sito si trovavano a poche decine di chilometri al largo della costa del Mar Egeo, nella Turchia nordoccidentale, un sito che si adatta infatti alle descrizioni geografiche della Troia di Omero. Uno strato del sito, grosso modo corrispondente al punto della storia in cui la caduta di Troia avrebbe avuto luogo, presenta, infatti, segni di fuoco e distruzione. Sebbene la maggior parte degli studiosi accettano la scoperta di Schliemann e riconoscono il sito dell’antica città di Troia, molti rimangono scettici sul fatto che la guerra di Troia narrata da Omero abbia mai realmente avuto luogo. Le prove raccolte in fonti letterarie del Vicino Oriente suggeriscono che episodi simili a quelli descritti ne L’Iliade potrebbe essere accaduti anche prima della distruzione di Troia. Tuttavia, molti studiosi ora ammettere la possibilità che qualcosa di vero possa trovarsi al centro di L’Iliade, anche se nascosto sotto l’abbellimento poetico.

Come L’Odissea, anche L’Iliade è stata composta principalmente in dialetto ionico antico, che veniva parlato sulle isole del Mar Egeo e negli insediamenti costieri dell’Asia Minore, oggi Turchia moderna. Alcuni studiosi dunque concludono che il poeta scriveva da qualche parte nel mondo orientale greco. Più probabilmente, però, il poeta scelse il dialetto ionico perché, avendo grandi aspirazioni di diffusione per la sua opera, pensava che fosse il più appropriato per il suo stile elevato e importante. Poco più tardi la letteratura suggerisce che i poeti greci variavano i dialetti dei loro poemi a seconda dei temi che stavano trattando e potevano scrivere in dialetti che in realtà non parlavano. I poemi epici di Omero sono in panellenico (che comprende tutta la Grecia), in spirito e in forme di utilizzo diversi da altri dialetti. Ciò suggerisce che Omero adattò le sue poesie ai dialetti che avrebbero meglio descritto gli avvenimenti che narrava e i relativi personaggi.

Il seguito de L’IliadeBrad Pitt nei panni di Achille nel film Troy ispirato al poema omerico L'Iliade

La guerra di Troia non si è ancora conclusa alla fine de L’Iliade. Il pubblico di Omero sarebbe stato a conoscenza della conclusione della lotta, e la potenza dell’ironia di Omero e il presentimento dipendono da questa familiarità. Quello che segue è una sintesi di alcuni dei più importanti eventi che accadono quando L’Iliade finisce.

Negli ultimi libri de L’Iliade, Achille fa spesso riferimento alla sua morte imminente, di cui sua madre, Teti, lo aveva avvertito. Dopo la fine del poema e i funerali di Ettore, Achille incontra la bella Polissena, figlia di Priamo, e quindi la principessa di Troia. Preso dal la sua bellezza, Achille si innamora di lei. Sperando di sposarla, lui accetta di usare la sua influenza sull’esercito acheo per porre fine alla guerra. Ma quando si reca al tempio di Apollo a negoziare la pace, Paride lo colpisce all’unica parte vulnerabile del suo corpo, con una freccia avvelenata. In altre versioni della storia, la ferita si è verificata nel bel mezzo della battaglia.

L’armatura di Achille e la morte di Aiace

D
opo la morte di Achille, Aiace e Ulisse vanno a recuperare il suo corpo. Teti dice agli Achei che lascerà loro in eredità la magnifica armatura di Achille, forgiata dal dio Efesto, l’eroe più degno. Sia Aiace che Ulisse bramano per l’armatura, ma quando è assegnata a Ulisse, Aiace commette suicidio per l’umiliazione.Il Palladium e le frecce di Eracle

Al tempo della morte di Achille e Aiace, le difese di Troia sono rafforzate dall’arrivo di una nuova coalizione di alleati, compresi gli etiopi e le amazzoni. Achille uccise Pentesilea, la regina delle Amazzoni, prima della sua morte, ma i Troiani continuarono a respingere l’assalto degli achei. Gli dei trasmettono agli Achei che essi devono eseguire una serie di compiti, al fine di vincere la guerra: devono recuperare le frecce di Eracle, rubare una statua di Atena chiamata Palladium dal tempio di Troia, e eseguire altre varie sfide. In gran parte grazie alle abilità e il coraggio di Ulisse e Diomede, gli Achei svolgono i loro compiti, e l’arciere acheo Filottete utilizza poi le frecce di Eracle per uccidere Paride. Nonostante questa battuta d’arresto, Troia continua a portare avanti la guerra contro gli Achei.

La caduta di Troia

I comandanti achei sono quasi pronti a rinunciare, nulla può penetrare le massicce mura di Troia. Ma prima di perdersi d’animo, Ulisse escogita un piano che permetterà loro di bypassare le mura della città completamente. Gli Achei costruiscono un massiccio e enorme cavallo di legno, il Cavallo di Troia, grande abbastanza da contenere un contingente di guerrieri al suo interno. Ulisse e un gruppo di soldati si nascondono nel cavallo, mentre il resto degli Achei bruciano i loro accampamenti e navigano lontano da Troia, in attesa sulle loro navi dietro un’isola vicina.

La mattina dopo i Troiani, scesi dai loro muri, scoprono il gigantesco, misterioso cavallo. Trovano anche un soldato acheo solitario di nome Sinon, che prendono come prigioniero. Come da istruzioni di Ulisse, Sinon racconta ai Troiani che gli Achei hanno subito l’ira di Atena per il furto del Palladio e che hanno lasciato lui in sacrificio alle divinità e costruito il cavallo come dono per calmare l’ira della dea. Sinon spiega che gli Achei lasciarono il cavallo davanti alle porte di Troia, nella speranza che i Troiani lo distruggessero e, come conseguenza, l’ira di Atena sarebbe ricaduta su di loro.

Credendo alla storia di Sinon, i Troiani portano il cavallo massiccio all’interno delle mura della città come tributo ad Athena. Quella notte, Ulisse e i suoi uomini scivolano fuori dal cavallo, uccidono le guardie di Troia, e spalancano le porte di Troia all’esercito acheo, che nel frattempo si era avvicinato di nuovo alla città. Dopo aver finalmente penetrato il muro gli Achei massacrano i cittadini di Troia, saccheggiano le ricchezze della città e bruciare gli edifici al suolo. Tutti gli uomini di Troia vengono uccisi, tranne un piccolo gruppo guidato da Enea, che fugge. Elena ritorna da Menelao e gli Achei salpano per tornare a casa.

Dopo la guerra

I destini di molti degli eroi de L’Iliade dopo la guerra occupano uno spazio importante nella mitologia greca. Ulisse, come preannunciato, trascorre ancora dieci anni via prima di tornare ad Itaca, e le sue avventure sono al centro dell’altro grande poema di Omero: L’Odissea. Elena e Menelao fanno un lungo e pericoloso viaggio prima di tornare a casa loro a Sparta, con un lungo soggiorno in Egitto. Ne L’Odissea, Telemaco viaggia fino a Sparta alla ricerca di suo padre, Ulisse, e trova Elena e Menelao che celebrano il matrimonio della loro figlia, Ermione. Agamennone, che ha preso Cassandra, la figlia di Priamo, come schiava, torna a casa da sua moglie Clitennestra, e al suo regno, Micene. Dopo la morte di Ifigenia, la loro figlia, offerta in sacrificio da Agamennone presso l’altare di Atena, Clitennestra ha maturato un vasto risentimento nei confronti del il marito, così ha preso un uomo di nome Egisto come suo amante, e al ritorno di Agamennone, la coppia di amanti lo uccidono nella sua vasca da bagno insieme a Cassandra. Questa storia è oggetto della rappresentazione teatrale del drammaturgo greco Eschilo, l’Agamennone. Nel frattempo, Enea, l’unico grande guerriero troiano sopravvissuto al massacro, girovaga per molti anni alla ricerca di una nuova casa per la sua sopravvivenza e per quella dei suoi concittadini. Le sue avventure sono raccontate nel poema epico di Virgilio: L’Eneide.

 

Tags: